Sulle orme della Magna Grecia

Sulle orme della Magna Grecia
Sulle orme della Magna Grecia
Sulle orme della Magna Grecia

Se la Magna Grecia è un lontano ricordo da sussidiario, un viaggio in Calabria sarà un'ottima occasione per rispolverare un pò di storia. Passeggiando in uno qualsiasi dei numerosi siti archeologici, vi sembrerà di respirare l'aria delle genti giunte dalla Grecia, a partire dal sec. VIII a.C., a colonizzare il territorio.
Un itinerario ideale, da nord a sud, può partire da Cirò (l'antica Krimisa) - da non perdere il tempio di Apollo Aleo (sec. VI a.C.) in località Punta Alice - e proseguire lungo la costa per arrivare a Crotone.
Fondata nel 709 a.C., l'antica Kroton fu tra le più potenti colonie della Magna Grecia e sede, tra l'altro, della scuola filosofica di Pitagora.

Nei pressi, a Capo Colonna, sorge quello che fu uno dei santuari più celebri della Magna Grecia, il tempio di Hera Lacinia. Puntando a sud lungo la costa jonica - e nel frattempo non sarebbe una cattiva idea concedersi un bagno al mare, ad esempio a Isola Capo Rizzuto - raggiungerete Locri.
L'antica Lokroi Epizephyrioi fu l'ultima delle colonie calabresi. E tuttavia non tardò a diventare una delle più importanti.

L'area archeologica, dove sono visibili tra l'altro i resti del teatro, si trova a circa 4 km a sud della città.

Non possono mancare, infine, una tappa a Reggio Calabria (l'antica Rhegion) che conserva i celeberrimi Bronzi di Riace del sec. V a.C., a tutt'oggi tra i beni archeologici più famosi e visitati in Italia, e, risalendo di nuovo a nord, adagiata su un colle che si affaccia come un balcone sulla costa tirrenica, a Vibo Valentia (antica Hipponion).

Newsletter

Iscriviti alla Newsletter e ricevi le nostre offerte!